Il Museo

Home / Il Museo

Il Museo della Visitazione

Il futuro museo: Un’opera di tale importanza come la Visitazione deve essere ospitata in una sede consona e degna della sua rilevanza mondiale. Attualmente (fino a fine 2017) l’opera è custodita nella chiesa, dove è stato collocata nel settecento con un adattamento all’architettura dell’altare precedente.

Dopo il suo viaggio internazionale per la mostra Incontri miracolosi: Pontormo dal disegno alla pittura, si auspica che la Visitazione di Pontormo diventi meta di molti amanti dell’arte. Questo porterà un nuovo flusso di visitatori a Carmignano, che dovrà essere accolto nel miglior modo possibile. Da qui l’esigenza di allestire il complesso con nuovi servizi per il turismo, da una parte legati all’esperienza di fruizione artistica, come una preparazione alla visione dell’opera e una migliore illuminazione, dall’altra, legati ad aspetti pratici come un parcheggio più grande e un migliore sistema di sicurezza, necessaria al momento che la notorietà dell’opera sarà accresciuta.

Il progetto del “Museo Diocesano della Visitazione” è parte integrante di un piano di restauro che interessa tutti gli spazi del convento. Il nuovo museo ricoprirà un ruolo fondamentale nella riqualificazione di tutto il complesso architettonico e ospiterà non solo dipinti di pregio ma anche reliquiari e manoscritti, ovvero oggetti sacri di valore, oltre ad esperienze multimediali.

Lo spazio museale sarà ricavato al piano terreno, coinvolgendo anche parte dei chiostri, e terminando con la visita al quadro del Pontormo, posto all’interno della chiesa principale.

Al contempo, il progetto di restauro interessa un altro gioiello di architettura barocca, la Compagnia di San Luca. Questo intimo oratorio sarà destinato all’uso della preghiera regolare dei fedeli, liberando la chiesa per le visite museali.